Impianti di triturazione e igienizzazione per il pretrattamento di biomasse a grossa pezzatura o che necessitano di pastorizzazione

La Normativa europea n° 1774/2002 rende possibile l’utilizzo di scarti di lavorazione e rifiuti di provenienza animale negli impianti di produzione del biogas, purché questi siano pretrattati a 70°C per un’ora e le parti solide siano ridotte in pezzatura inferiore ai 12 mm.

Landia ha sviluppato e realizzato, appositamente per questo tipo di applicazioni, un sistema per sminuzzare le parti grossolane di materie prime o scarti di lavorazione e riscaldarle, prima di poterle impiegare nella produzione del biogas.

L’unita d’igienizzazione Bio®Chop è caratterizzata dall’impiego di componenti di alta qualità e dal suo semplice funzionamento.

La sua progettazione e la particolare costruzione rende possibile triturare le parti solide, fino ad ottenere una pezzatura inferiore ai 12 mm, miscelare il refluo e, dopo averlo igienizzato, svuotare la vasca, utilizzando unicamente la pompa trituratrice Landia.

Il sistema d’igienizzazione Bio®Chop è completo di strumentazione, sistemi di attuazione, sistemi di controllo del processo e registrazione dei dati, che rendono l’unità totalmente automatica.

L’unità sarà fornita completamente assemblata e funzionante.

Caratteristiche dell’impianto BioChop

Sistema compatto per il pretrattamento di scarti da industria alimentare/macelli

Impianto di triturazione e igienizzazione

Il substrato viene sminuzzato ad una pezzatura di 12 mm e trattato per 1 ora a 70 °C (CE 1069/09 e CE 142/2011

Unica pompa trituratrice per triturazione/miscelazione e carico del digestore

Disponibile nelle versioni:
- Solo trituratore
- Trituratore / igienizzatore
- Industria per la lavorazione del pesce
- Estrattore di proteine